Immagine: Lars Fields / Royal Ontario Museum

Gli scienziati hanno recentemente scoperto i fossili del più antico artropode con una mandibola- un animale marino di 508 milioni di anni.

Tokummia catalessiè stato scoperto per la prima volta nello scisto di Burgess del Kootenay National Park nella British Columbia, in Canada. Questo artropode è stato identificato come un predatore lungo quattro pollici del tardo periodo Cambriano.



Immagine: Jean-Bernard Caron / Royal Ontario Museum

L'animale simile a un'aragosta aveva cinquanta zampe, un guscio bivalve e, cosa più sorprendente, mandibole frastagliate.Tokummia catalessiè ufficialmente la più antica creatura con mandibole fino ad oggi. Due minuscoli occhi alla base delle sue antenne completano il suo insolito ritratto.

Mandibulata, che comprende tutti gli animali con mandibole, è il gruppo di artropodi più vario e abbondante al mondo e ripercorrere la loro storia evolutiva è stata una delle maggiori sfide della biologia.

Immagine: Jean-Bernard Caron / Royal Ontario Museum

Gli animali con mandibole includono miriapodi e pancrostacei come aragoste e gamberetti. Le prove lo dimostranoTokummiasi è evoluto dopo che i ragni e gli acari (chelicherata) si sono separati nel loro ramo evolutivo.

I fossili scoperti nel Parco Nazionale di Kootenay servono a dimostrarloTokummiaè alla base dell'albero evolutivo di tutti i mandibolati.

Oltre ad essere gli antenati di tutte le mandibulate, i fossili unici hanno fornito agli scienziati una rara visione di come questi animali funzionassero fisiologicamente. Il ricercatore attribuendo Cédric Aria ha dichiarato a Scienza dal vivo circa i suoi cinquanta arti, 'consentiva lo sviluppo di ulteriori segmenti e strutture alla base dell'arto e attorno a essa, chiamati' coxae ', e da cui le mandibole stesse probabilmente [nacquero]'.

Il resoconto completo è pubblicato sulla rivista Natura .

GUARDA IL PROSSIMO: Titanoboa - Il serpente più grande che il mondo abbia mai conosciuto