Immagine: Natal Lion Park / Facebook

La crisi del bracconaggio di rinoceronti si è intensificata a un nuovo livello- un altro rinoceronte in cattività è stato massacrato per il suo corno.

Non è passato molto tempo da quando il rinoceronte bianco Vincent è stato ucciso allo zoo di Thoiry a Parigi. Questa volta è un pachiderma in Sud Africa che deve affrontare un destino simile.



Maxine era una femmina di rinoceronte bianco di 11 anni che viveva Natal Lion Park . È stata uccisa dai bracconieri nelle prime ore del mattino. Un esame veterinario ha confermato che la causa della morte era una pallottola alla testa mentre dormiva.

Maxine era rimasta orfana, la mano alzata dai suoi rapitori nel parco. Secondo Earth Touch News Network , ci sono solo circa 20.000 rinoceronti bianchi rimasti in natura, il che rende ogni morte un duro colpo per la popolazione.

Immagine: James Sanders, Flickr

L'unica parte buona di questa storia è che non ha sofferto mentre le hanno tolto il corno.

Sebbene la situazione del bracconaggio si sia intensificata su tutta la linea, questi attacchi ai rinoceronti in cattività rappresentano uno sviluppo nuovo e terrificante.

'Siamo devastati', ha scritto su Facebook lo staff del Natal Lion Park. 'Siamo sotto shock e faremo tutto il possibile per trovare i colpevoli responsabili di questo crimine efferato'.

Per coincidenza, la notizia della morte di Maxine è avvenuta pochi giorni dopo l'arresto di un importante corno di rinoceronte all'aeroporto internazionale di Tambo.

C'è speranza che vengano compiuti sforzi su vasta scala per garantire che queste trasgressioni siano messe fine.

Video: