Assassin's Creed. Un franchise che è diventato sinonimo dell'affare open world standard AAA, nel bene e nel male. Il franchise di punta di Ubisoft è diventato un'entità che ha diviso l'opinione pubblica più di qualsiasi altra serie AAA moderna.

Assassin's Creed ha innegabilmente dato vita ad alcuni dei migliori giochi degli ultimi due decenni, come Assassin's Creed 2 e Black Flag. Ma è stato anche responsabile di alcuni dei lanci più difettosi e travolgenti dell'ultimo decennio, come Assassin's Creed Unity.





Tuttavia, dopo Syndicate, il franchise ha attraversato un periodo di transizione, quando Ubisoft ha deciso di trasformare il franchise in un vero e proprio gioco di ruolo, come Witcher 3.

L'editore francese di videogiochi ha curiosato ed esplorato il concetto in Origins con un discreto successo. La formula entrerebbe in gioco con Assassin's Creed Odyssey, un gioco competente e un'esperienza di gioco di ruolo appagante.



Eppure, mancava qualcosa in Odyssey, che ha alienato gran parte della base di fan. Sembra che Assassin's Creed Valhalla sia un'eccellente miscela di vecchio e nuovo e offra il miglior gioco della serie da molto tempo.


Assassin's Creed Valhalla: un ritorno alla forma per il franchise

Fin dai suoi momenti di apertura, i giocatori sono consapevoli che questa sarà un'esperienza molto diversa da Odyssey. Quando la brillante colonna sonora di Jesper Kyd entra in gioco e i giocatori passano attraverso una brillante sequenza di apertura che presenta un brillante filmato one-shot, il gioco è già più cinematografico del suo predecessore.



Questo tema continua per tutto il resto del gioco, poiché Assassin's Creed Valhalla perfeziona gli elementi RPG e bilancia la natura accessibile dei titoli precedenti.

Introduce anche molte nuove meccaniche al franchise che si aggiungono al gioco in un modo molto più significativo che i giocatori potrebbero aspettarsi.




Umano dopo tutto

Assassin's Creed Odyssey essenzialmente mette i giocatori nel bel mezzo di un'epopea greca nei panni di un semidio. Il gameplay ha rispecchiato bene quel tipo di potere, con la possibilità di saltare giù da montagne letterali e atterrare senza alcun danno.

In Assassin's Creed Valhalla, i giocatori controllano un potente vichingo, che è solo umano. Il giocatore subirà realisticamente danni dalla caduta dall'alto e il combattimento fa bene anche a riflettere l'approccio più radicato.



Tuttavia, è la nuova meccanica di Assassin's Creed Valhalla che riflette sinceramente la mortalità del personaggio e aumenta la sfida per i giocatori.


Nessuna salute rigenerante e l'inclusione della barra della resistenza

Questo è forse il più vicino a un gioco di Dark Souls a cui Assassin's Creed dovrebbe mai avventurarsi, ma è un gradito cambiamento per i fan. La salute non si rigenera magicamente, come altri giochi della serie, e i giocatori devono cercare Razioni per assicurarsi che non muoiano senza cerimonie.

Eivor ha anche una barra di resistenza realistica che si esaurisce con ogni schivata, attacco e scatto. Ciò aggiunge ulteriore profondità a un sistema di combattimento già impressionante che non tira pugni quando si tratta di rappresentare la brutalità dei vichinghi.


Fuori i livelli, dentro il potere

Il sistema di livelli di Assassin's Creed Odyssey e Origins è stato sostituito con un sistema di progressione 'Potere' che sembra molto più appagante di un limite di livello. I giocatori non dovranno più passare innumerevoli ore a macinare in missioni secondarie ripetitive, poiché guadagneranno XP praticamente da ogni attività di gioco.

Parlando semplicemente con NPC e alleati, il giocatore guadagnerà XP e alla fine otterrà potere con abbastanza punti abilità. Le missioni secondarie rappresentano anche un eccellente incentivo per il completamento da parte dei giocatori, poiché ora hanno scene completamente realizzate che non sono ripetitive come i precedenti giochi di Assassin's Creed.

Il mondo aperto è ancora enorme, con un livello sbalorditivo di attenzione ai dettagli e dimensioni che rivaleggia con l'enorme ambiente della Grecia in Assassin's Creed Odyssey. L'Inghilterra del Medioevo è innegabilmente carina e ospita molti dettagli che gli appassionati di storia apprezzeranno sicuramente.


Pensa e combatti come un vichingo

Immagine tramite Rocket Chainsaw

Immagine tramite Rocket Chainsaw

Non si può davvero sottolineare abbastanza quanto sia fantastico il mondo aperto e il combattimento si fondono perfettamente in Assassin's Creed Valhalla. Il giocatore deve intraprendere quella che è essenzialmente una lunga ricerca suddivisa in diversi archi narrativi autonomi.

Ma Eivor non è un bruto, ma anche una persona pensante. Il giocatore deve anche prendere decisioni critiche che hanno un impatto sulla storia e sul gioco in un modo molto più significativo rispetto a scelte semplici e arbitrarie.

Inoltre, i giocatori possono anche interpretare la storia come Eivor sia come donna che come maschio e possono passare da una all'altra tutte le volte che vogliono, creando ogni volta un gioco unico.


Una miscela perfetta

Assassin's Creed Valhalla non sarebbe stato così grande se non per il cast di personaggi meravigliosamente realizzato e scritto. Praticamente ogni personaggio che incontra il giocatore è interessante, con molta agenzia nella storia e personalità uniche.

Tutto sommato, Assassin's Creed Valhalla è il perfetto equilibrio tra vecchio e nuovo, poiché ha abbastanza in termini di gameplay innovativo in stile RPG e allo stesso tempo offre la storia e il valore cinematografico del gioco.