Anguilla europea (Anguilla anguilla)

Anguilla europea (Anguilla anguilla). Immagine: Bernard Dupont tramite Flickr

Tracce di droghe nei nostri corsi d'acqua, compresa la cocaina, possono avere effetti dannosi sugli animali acquatici, avverte un recente studio.

Ciò che molti potrebbero non considerare quando assumono farmaci - su prescrizione o altro - è che questi farmaci alla fine vengono escreti e inviati nei nostri corsi d'acqua dove si accumulano. Ora, una nuova ricerca dimostra quanto possano essere pericolosi per le creature che vivono in questi ambienti.



La cocaina, in particolare, potrebbe mettere il anguilla europea in pericolo di estinzione a ulteriore rischio, poiché il farmaco potrebbe influenzare la capacità delle anguille di completare l'epico viaggio di 3.700 miglia che la specie compie per accoppiarsi e riprodursi.

Per uno studio pubblicato di recente in Scienza dell'ambiente totale,i ricercatori mettono le anguille nell'acqua contenente bassi livelli di cocaina (paragonabili alle quantità trovate in molti fiumi) per un periodo di 50 giorni.

Anguilla europea. Immagine: GerardM tramite Wikimedia Commons

Non sorprende che lo studio abbia rivelato che i contaminanti rendevano le anguille iperattive e influivano negativamente su diversi sistemi corporei che sono importanti per la loro sopravvivenza. Il farmaco si è accumulato nel cervello, nei muscoli, nelle branchie, nella pelle e in vari tessuti. I loro muscoli hanno anche mostrato gonfiore e deterioramento e i loro livelli ormonali sono cambiati.

Uno dei risultati più preoccupanti è stato l'aumento del cortisolo, l'ormone dello stress. Alti livelli di ormone possono diminuire il grasso, che le anguille devono accumulare prima del loro lungo viaggio. Inoltre, l'aumento dei livelli di dopamina può impedire alle anguille di raggiungere la maturità sessuale. La rottura muscolare rende anche difficile, o forse impossibile, persino raggiungere la loro destinazione.

Peggio di tutto? Gli effetti erano ancora presenti anche dopo che i pesci erano stati rimossi dall'acqua contaminata per una 'riabilitazione' di 10 giorni.

E questo è solo un farmaco. Solo circa la metà dei farmaci e dei contaminanti nelle acque reflue viene rimossa dagli impianti di trattamento, secondo un rapporto del Commissione mista internazionale .

'I composti si presentano a livelli bassi - parti per miliardo o parti per trilione - ma la vita acquatica e gli esseri umani non sono esposti solo a uno alla volta, ma a un intero mix', Antonette Arvai, scienziata presso l'International Joint Commission, detto Scientific American .

Precedenti studi hanno anche rivelato la quantità di farmaci nella nostra acqua. Diversi anni fa, uno studio lo ha scoperto il salmone giovane catturato nel Puget Sound di Washington conteneva più di 80 farmaci diversi , compresa la cocaina.

Allora cosa possiamo fare al riguardo? Ebbene, i ricercatori dicono che probabilmente non è pratico cercare di interrompere l'uso di droghe per risolvere il problema. Potremmo invece dover investire di più nel processo di trattamento dell'acqua.

GUARDA IL PROSSIMO: L'orso grizzly combatte 4 lupi