Immagine: Glyphis gangeticus (Müller e Henle, 1839)

Lo squalo del fiume Gange (nome scientifico Glyphis gangeticus )non viene avvistato da più di 10 anni. In effetti, il carnivoro d'acqua dolce in pericolo di estinzione è così sfuggente che la conoscenza dei ricercatori è limitata a ciò che sono stati in grado di apprendere da tre esemplari del museo conservati nel 1800.

Ma di recente, lo squalo è stato riscoperto nell'ultimo posto in cui qualcuno si aspettava di trovarlo: un mercato del pesce di Mumbai.



attraverso Golfo Elasmo


Le foto, scattate nell'ambito di uno studio finanziato da a Fondazione Save Our Seas Grant, mostra uno squalo femmina lungo poco meno di 9 piedi, identificabile dai suoi occhi piccoli, dal muso rotondo e dalle pinne specie-specifiche.

Sfortunatamente, i pescatori ei commercianti del mercato hanno elaborato rapidamente il grande squalo, tagliandolo prima che i ricercatori potessero effettuare misurazioni morfologiche o campioni di tessuto. I ricercatori non sono stati inoltre in grado di confermare dove è stato catturato lo squalo, anche se credono che fosse da qualche parte lungo la costa nord-orientale del Mar Arabico.

Immagine: Glyphis gangeticus (Müller e Henle, 1839)

L'India è uno dei mercati più importanti al mondo per squali e razze, il che significa che la pesca eccessiva potrebbe avere un effetto drastico sullo squalo già 'altamente minacciato, raro e sfuggente'. Anche il degrado dell'habitat gioca un ruolo, dicono gli ambientalisti, e il numero effettivo dello squalo è difficile da determinare a causa della mancanza di esemplari esaminabili.

I biologi sperano di trovare altri squali del fiume Gange, preferibilmente interi e vivi. Le creature rare sono una delle 10 specie di pesci cartilaginei, chiamati Chondrichthyes, che sono protetti dall'Indian Wildlife Act.

GUARDA IL PROSSIMO: Il grande squalo bianco attacca il gommone