Immagine: Wikimedia Commons

L'enorme scheletro di una mucca di mare di Steller estinta che misura sei metri di lunghezza è stato scoperto sull'isola di Bering.

L'ultimo scheletro completo di una mucca di mare di Steller è stato trovato trent'anni fa sulla stessa isola. Questi mammiferi marini giganti appartengono all'ordine Sirenia e misurano fino a trenta piedi di lunghezza. Il loro parente vivente più prossimo è il dugongo, una mucca di mare abbastanza grande di per sé.

Il naturalista Georg Wilhelm Steller scoprì per la prima volta la specie nel 1741 dopo il naufragio sull'isola di Bering. Nel giro di un quarto di secolo, la mucca di mare dello Steller era stata cacciata fino all'estinzione. Questi animali erano ambiti dagli europei per la loro carne, grasso e pelle. Possedevano uno spesso strato di grasso che ha permesso loro di sopravvivere nelle acque estremamente fredde intorno alle Isole Comandanti. Una delle loro caratteristiche più uniche? A differenza di altri sireni, la mucca di mare dello Steller era sdentata e si nutriva prevalentemente di alghe marine.

Tramite t.co/shPXrsuQYg

Lo scheletro più recente è stato scoperto durante un'indagine di routine della linea costiera quando la ricercatrice Marina Shitova ha notato che le ossa delle costole spuntavano dal terreno come paletti di recinzione. Un team di otto persone trascorre quattro ore a scavare lo scheletro, composto da 45 ossa spinali, 27 costole, la scapola sinistra e altre parti delle estremità.

Il team di ricerca intende riassemblare lo scheletro per la visualizzazione nel centro visitatori di Commander Island, secondo un comunicato stampa del Riserva naturale e della biosfera di Commander Islands .

La breve esistenza della mucca di mare Steller al fianco dell'uomo dovrebbe servire come un duro promemoria di quanto impatto possiamo avere sul nostro ecosistema.

GUARDA IL PROSSIMO: Incredibili creature dell'era glaciale che erano più grandi della vita