Immagine: Peter Schouten, Journal of Systematic Paleontology

I ricercatori hanno scoperto un leone marsupiale delle dimensioni di un cane che vagava per le foreste pluviali australiane Da 18 a 26 milioni di anni fa e usava denti simili a coltelli per devastare la sua preda.

Dai resti fossili del cranio, dei denti e dell'omero dell'animale, un team di scienziati australiani ha determinato l'animale, chiamatoSono scout,era onnivoro e pesava circa cinquanta libbre. Il predatore preistorico aveva una piccola testa e denti aguzzi caratteristici di altri leoni marsupiali, che usava per strappare la materia vegetale e la carne.





Gli scienziati hanno anche notato somiglianze dentali e craniche traSono scouteWakaleo pitikantensis,una specie leggermente più piccola che era presente anche durante il tardo Oligocene e fu scoperta nell'Australia meridionale nel 1961. Queste somiglianze includono la presenza di tre premolari superiori e quattro molari e portano anche gli scienziati a credere che queste due specie fossero i membri più primitivi del loro genere.

'L'identificazione di queste nuove specie ha portato alla luce un livello di diversità del leone marsupiale che era abbastanza inaspettato e suggerisce origini ancora più profonde per la famiglia', ha affermato l'autore principale, la dottoressa Anna Gillespie in una dichiarazione .



Scheletro di Thylacoleo, ultimo leone marsupiale sopravvissuto. Immagine: Wikimedia Commons

I leoni marsupiali sono considerati i più grandi mammiferi carnivori mai esistiti in Australia e uno dei più grandi del pianeta. Inoltre, le creature estinte da tempo avevano il morso più forte di qualsiasi mammifero conosciuto, paragonabile a quello di un leone africano molto più grande .

La recente scoperta è pubblicata nel Journal of Systematic Paleontology .

Alcuni australiani affermano che i leoni marsupiali camminano ancora sulla Terra. Guarda il video qui sotto per saperne di più ...



GUARDA IL PROSSIMO: Lions Once Roamed America