Immagine: Youtube

Un raro studio scientifico sugli embrioni di dinosauri conclude che le loro uova hanno avuto periodi di incubazione sorprendentemente lenti.

Sebbene si ritenga che i dinosauri siano prevalentemente più legati agli uccelli rispetto ai rettili, recenti analisi dimostrano che molti di loro mostrano caratteristiche riproduttive non avicole, supportando la teoria di una distinta differenziazione tra due gruppi di dinosauri basata sui loro parenti viventi più stretti.



Gli uccelli schiudono le uova con brevi periodi di incubazione, che coprono la durata di 11-85 giorni - tre mesi al massimo, a seconda delle dimensioni dell'uovo. Ricerca eseguita da esperti della Florida State University pubblicata in Atti della National Academy of Sciences ha concluso che le uova di dinosauro di dimensioni simili impiegavano il doppio del tempo per schiudersi rispetto alle uova di uccelli, somigliando più da vicino ai loro antenati coccodrilli.

L'esame accurato della cartella clinica è stato eseguito su embrioni di due specie diverse con uova di dimensioni molto distinte: il più piccoloProtoceratopse il più grandeHypacrosaurus. La scansione TC e la comprensione degli anelli di crescita sui denti degli embrioni consentono agli scienziati di determinare adeguatamente per quanto tempo incubano le uova.

Immagine: Youtube

Si è concluso che il Protoceratops ha un tempo di incubazione delle uova di circa tre mesi, mentre le uova di Hypacrosaurus più grandi incubano sei mesi prima della schiusa. Questi risultati sollevano discordie tra ciò che è attualmente compreso sui dinosauri.

Periodi di incubazione più lunghi equivalgono a maggiori rischi ambientali per la prole, comprese tempeste, inondazioni ed esposizione ai predatori. Periodi di schiusa prolungati interferiscono anche con la teoria della migrazione dei dinosauri tra climi temperati e artici e giustappongono l'importanza della genitorialità.

Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare le implicazioni dei periodi di incubazione più lunghi delle uova di dinosauro, ma una conclusione sicura è che probabilmente è stato un fattore nella loro eventuale scomparsa.

Guarda il prossimo: Titanoboa, il serpente più grande di sempre




Clicca qui per vedere alcuni degli altri predatori preistorici più incredibilmente massicci mai scoperti.