Una volta sulla superficie dell'acqua, i ragni reagiscono al vento sollevando le zampe come vele. Immagine: Alexander Hyde

I ragni sono spesso una delle prime specie a colonizzare nuovi habitat e molte specie si trovano in più luoghi, inclusi più continenti. In altre parole, i ragni vanno in giro.

Scienziati fin dai tempi di Charles Darwin hanno studiato un'intrigante modalità di trasporto dei ragni: volare in mongolfiera o fluttuare nell'aria su un sottile filo di seta, prima di posarsi su un albero o su un altro oggetto. Ma questo tipo di viaggio è un po 'rischioso poiché i ragni non possono controllare la loro direzione o dove atterrano e i ricercatori hanno ipotizzato che tutti i ragni sfortunati che sono atterrati in mare fossero condannati.



Questo fino a poco tempo fa, quando il ricercatore giapponese Morito Hayashi ha studiato il comportamento dei ragni in uno specchio d'acqua presso l'Università di Nottingham e ha fatto diverse scoperte sorprendenti.

Vela sottosopra: anche i ragni usano l'addome come 'vele', mentre sono in una posizione simile a una mano. Immagine: Alexander Hyde

Essere collocati in un vassoio d'acqua poco profondo e colpiti da raffiche d'aria non era un grosso problema per i ragni studiati da Hayashi, tra cui centinaia di individui di oltre 20 specie. I ragni sono stati osservati mentre sollevavano le zampe anteriori o l'addome per formare le vele, che usavano per catturare e dirigere l'aria intorno ai loro corpi.

Un ragno tetragnatide che usa la sua seta per ancorarsi a un oggetto galleggiante. Immagine: Alexander Hyde

Hayashi ha anche osservato i ragni usare altre tattiche di navigazione in acqua, tra cui camminare sull'acqua, estendere un filo di seta per ancorarsi a oggetti galleggianti e giocare a fare il morto per evitare una minaccia percepita. Anche quando i ragni smettevano di muoversi e facevano finta di essere morti, continuavano a galleggiare grazie ai piedi idrorepellenti che non interrompevano la tensione superficiale dell'acqua.

La ricerca di Hayashi risponde a una serie di domande su come i ragni sono riusciti a diffondere così ampiamente le loro popolazioni in tutto il mondo, viaggiando e stabilendosi in quasi tutti gli habitat della terra. La maggior parte del pianeta è costituita da acqua, dopotutto, ma un fiume, un mare o un oceano ha dimostrato di non essere una barriera per un esperto acquatico come questi ragni. Per loro è solo una navigazione tranquilla.

I risultati completi dello studio erano pubblicato sulla rivista BMC Evolutionary Biology .

GUARDA IL PROSSIMO: Australian Redback Spider Eats Snake