Incontra Hope e Nicky, due adorabili piccoli rinoceronti neri che amano i massaggi sulla pancia, i bagni di fango e un bel graffio dietro le orecchie. Hanno una vita piuttosto buona, ma questi rinoceronti hanno una storia travagliata.

Hope è rimasta orfana quando i bracconieri hanno ucciso sua madre. Nicky, che è cieco, è stato salvato da ranger che temevano che non potesse sopravvivere da solo in natura. I due vitelli vivono presso la Lewa Wildlife Conservancy in Kenya, che ospita oltre 150 rinoceronti bianchi e neri protetti.



POLLICE DI RINOCERONTE 4

Le popolazioni di rinoceronti in Africa e nel resto del mondo sono state decimate dai bracconieri che prendono di mira gli animali per le loro corna. Il corno di rinoceronte può vendere per più dell'oro in luoghi come il Vietnam e la Cina, dove è ricercato per i suoi presunti poteri curativi e ritenuto uno status symbol.

Solo circa 27.000 rinoceronti rimangono allo stato selvatico. Tutte e 5 le specie viventi sono nella Lista Rossa IUCN delle specie minacciate, ma alcune devono affrontare sfide maggiori di altre. Ad esempio, i bracconieri hanno quasi completamente spazzato via i rinoceronti bianchi del nord selvatici in Africa, lasciandone solo 3 in cattività.

Grazie agli sforzi di gruppi di conservazione come The Lewa Wildlife Conservancy, il numero di rinoceronti è aumentato costantemente negli ultimi decenni. Mentre il numero di rinoceronti neri africani è diminuito di oltre il 97 per cento da 70.000 animali a poco più di 2.000 tra il 1960 e il 1995, erano quasi 5.000 entro il 2010, secondo l'IUCN.

Anche i rinoceronti bianchi meridionali sono tornati a circa 20.000 nel 2010 da meno di 100 negli anni '80.

Ma non è tutto chiaro. I bracconieri in Sud Africa hanno ucciso quasi tre rinoceronti al giorno nel 2016 ei loro metodi stanno diventando sempre più aggressivi. Fino a quando la richiesta di corno di rinoceronte non se ne andrà, questo terribile problema persisterà.